Fattoria Barbialla Nuova products

Apricot Jam

Here we are again to our seasonal appointment with jams in Barbialla Nuova. This week we made some apricot jam, and this is our recipe.

Pick ripen, sweet apricots (we use those from our organic trees in Brentina and Doderi). Wash, peel, and pit. Weight the pulp and place it in a suitable pan; add 300g of cane sugar for each kg of pulp (this will give you a slightly sour product. If you'd rather make it sweeter, add 400-500g of sugar per kg). Keeping the flame low, cook for 2-4 hours depending on which consistency you want to achieve. You need to stir the mixture very often; using a spoon, remove the foam that forms on the surface. Make sure you turn off the fire when the mixture is more liquid that you want your jam to be, as during cooling it gets much more dense.

In the meantime sterilize your jars (we boil them for 1 hour). As soon as you have reached the right consistency, jar your jam when it's still hot. Clean the edge of the jar with a paper towel before firmly placing the cap. Close the jars and place them upside down. The following day we boil the jars again for one hour to ensure that the product inside is sterile and to check for any leaks from the caps (if they are not sealed properly you will see water in your jars).


Eccoci all'appuntamento stagionale con le immancabili marmellate della Fattoria Barbialla Nuova. Questa settimana abbiamo preparato la marmellata di albicocche, e questa è la nostra ricetta. 

Scegliete albicocche mature e dolci (noi utilizziamo quelle dei nostri alberi, rigorosamente biologici). Sbucciatele e togliete il nocciolo. Pesate la polpa, mettetele in pentola aggiungendo 300 g di zucchero di canna biologico per ogni kg di frutta (la marmellata sarà un po' aspra, perfetta per crostate. Se preferite un prodotto dolce potete aggiungere fino a 400-500 g di zucchero). Far cuocere a fuoco lento, girando spesso e togliendo la schiuma, finché la marmellata avrà la consistenza che vi piace.

Nel frattempo sterilizzate i barattoli (noi li bolliamo per 1 ora). Appena la marmellata è pronta, mettetela nei vasetti facendo attenzione che i bordi siano puliti. Chiudete i barattoli e capovolgeteli. Il mattino dopo bollite i vasetti per un'ora per essere sicuri che il prodotto sia perfettamente sotto vuoto. Controllate che non ci siano perdite dal tappo (se i vasetti non sono propriamente sigillati vedrete acqua dentro alla marmellata. 

Truffle festivals

This weekend and the next one, our guests can visit one of the most important truffle festivals of the area: Tartufesta in Montaione (October 23rd, 29th and 30th). And they can also take part to the guided truffle hunts that we organize on our property. More info on http://www.barbialla.it/truffles-1/

Apple & Cinnamon Jam - recipe

A huge amount of apples to prepare the very famous apple & cinnamon jam of Barbialla Nuova

Maybe, this is not the most common jam in the World, yet this is one of our favorite ones! When you eat it, it reminds you of an apple pie, or a strudel. Yum, delicious!

APPLE & CINNAMON JAM - RECIPE

Pick the apples from the trees or buy them at the Farmers' Market. We always favor organic produce if it is available. Take the skin off, the core out, and cut them into pieces. Weight 300 g of brown sugar per kg of fruit (30%). Put the apples, the sugar and the cinnamon powder in a pot, and let them boil for about 1 hour and a half / 2 hours. During the last hour, stir every 5 minutes, paying attention that the jam at the bottom doesn't stick or burn. Ten minutes before turning the fire off, you can mix the fruit with a hand blender, obtaining a cream. If you prefer to have pieces of fruit, just skip this passage. When the jam has reached the desired consistency, put it in (clean and sterilized) jars. Close them very well and turn them up side down on a heat-resistant surface. The day after, boil the jars into water for at least 30 minutes, to make sure that the jars are sterilized and vacuum sealed. 

Ps: thanks to our Wwoofers Virginia & Benjy (in the picture) for picking, peeling, and cutting a huge amount of apples!


Forse non è la marmellata più famosa del mondo, ma resta sempre una delle nostre preferite: quando la si mangia, sembra di gustare una torta di mele, o uno strudel. Deliziosa!

MARMELLATA MELE E CANNELLA - RICETTA

Raccogliete le mele o compratele al mercato - favorendo, se possibile, prodotti biologici. Sbucciatele e togliete il torsolo. Pesatele e aggiungete 300 g di zucchero di canna biologico per ogni kg di frutta (30%). Mettete mele, cannella in polvere e zucchero in una pentola e fatele bollire per circa un'ora e mezza/due ore, girando ogni 5 minuti e facendo bene attenzione che la marmellata sul fondo non si bruci. Se preferite una crema alla frutta a pezzi, sminuzzateli con un frullatore a immersione a metà cottura. Quando la marmellata ha raggiunto la consistenza desiderata, mettetela nei vasetti precedentemente sterilizzati. Chiudeteli con particolare attenzione e lasciateli raffreddare capovolti su una superficie resistente al calore. Il giorno seguente, bollite i vasetti per 30 minuti per assicurarvi che siano sotto vuoto e sterilizzati. Lasciate raffreddare l'acqua prima di tirarli fuori. 

PS: grazie ai nostri Wwoofers Virginia e Benjy (nella foto) per aver raccolto, sbucciato e tagliato una montagna di mele!

Jammin'! Plum jam made in Barbialla

A jar of home-made plum jam in a rustic environment

In the countryside, farmers use to store summer's produce in various forms, so as to have enough goods to get by in the winter. That food, if you listen to any of our elders, also contained the memory and the warmth of the 'good' season, that helped the spirit to cross the winter merrily. Although times have changed, in Barbialla Nuova we still try to make the best of our summer crops, and our kitchen is now buzzing with activity to transform the bounty of (organic) fruit we have in delicious jams. We would like to share how we make our plum jam.

PLUM JAM - RECIPE

Pick the plums from the trees or buy them at the Farmers' Market. We always favor organic produce if it is available. Wash them carefully and pit them. Weight 400 g of brown sugar per kg of fruit (40%). Put the plums and the sugar in a pot, and let them boil for about 1 hour. Pass the jam in the vegetable mill to take all the skins out. Put them back in the pot and bring them to a low boil, stirring every 5 minutes, paying attention that the jam at the bottom doesn't stick or burn. When the jam has reached the desired consistency, put it in (clean and sterilized) jars. Close them very well and turn them up side down on a heat-resistant surface. The following day, boil the jars into water for at least 30 minutes, to make sure that the jars are sterilized and vacuum sealed. 

This jam will be a little bit sour. If you like sweet jams, bring the sugar/fruit ratio to 50-60%. We like it a bit sour as it works perfectly on our crostatas, as it mixes perfectly with the sweetness of the pasta frolla. 


Un tempo, i contadini erano soliti conservare i prodotti estivi in modo da avere scorte sufficienti durante l'inverno. I nostri nonni raccontano spesso di come quel cibo contenesse la memoria del calore della bella stagione, e di quanto aiutasse ad affrontare l'inverno a cuore leggero. I tempi sono cambiati, ma a Barbialla Nuova cerchiamo di mantenere le antiche tradizioni: il nostro laboratorio brulica di attività trasformazione della nostra frutta in deliziose marmellate. Vorremmo condividere con voi la ricetta della marmellata di prugne che facciamo. 

MARMELLATA DI PRUGNE - RICETTA

Raccogliete le prugne o compratele al mercato - favorendo, se possibile, prodotti biologici. Lavatele con cura e snocciolatele. Pesatele e aggiungete 400 g di zucchero di canna biologico per ogni kg di frutta (40%). Mettete prugne e zucchero in una pentola e fatele bollire per circa un'ora. Passatele in un passa-verdure per eliminare la buccia. Rimettetele nella pentola e portatele ad ebollizione a fuoco lento, girando ogni 5 minuti e facendo bene attenzione che la marmellata sul fondo non si bruci. Quando la marmellata ha raggiunto la consistenza desiderata (nel nostro caso ci sono volute circa 3 ore) mettetela nei vasetti precedentemente sterilizzati. Chiudeteli con particolare attenzione e lasciateli raffreddare capovolti su una superficie resistente al calore. Il giorno seguente, bollite i vasetti per 30 minuti per assicurarvi che siano sotto vuoto e sterilizzati. Lasciate raffreddare l'acqua prima di tirarli fuori. 

Fatta in questo modo, la marmellata rimane un po' aspra. Se la preferite dolce, potete aumentare la percentuale di zucchero fino al 50-60%. Per noi, è la migliore soluzione per la crostata, perché la dolcezza della pasta frolla si stempera con l'asprezza della marmellata.